Home > X rated casino bacon popper

X rated casino bacon popper

X rated casino bacon popper

Aggiungi ai preferiti il collegamento. A proposito di questo post vorrei condividere un passaggio di un libro scritto da una donna nativa americana relativo a come funziona la magia secondo la tradizione del suo popolo. Mi scuso in anticipo perchè è molto lungo. Lo divido in 2 commenti. Poi dice una cosa Fondamentale che mi fa capire perchè i media alimentano certi tipi di pensieri e sentimenti: Questi strati vengono incontrati, come energia, durante gli stati alterati di coscienza.

Quindi se prendiamo per vera questa cosa siamo in grado di creare mondi illusori se in tantissimi pensiamo a una stessa cosa o ci allineiamo sullo stesso tipo di emozione. Ecco cosa dice dei Maestri del Crepuscolo come vengono chiamati dal suo popolo i maghi neri: Sono individui che usano sia la luce che il buio della natura umana per controllare o manipolare gli altri. Nella maggioranza dei casi sono persone nate con capacità paranormali che hanno imparato ad usare i propri doni per manipolare gli altri. Poi dice una cosa molto interessante che non riesco a comprendere e spero che qualcuno di voi mi aiuti a farlo: Queste reti di energia sono state create attraverso le loro idee fisse, le bugie o i desideri manipolatori.

Quando più avanti incontrano queste reti possono essersi dimenticati di aver creato questi falsi sentieri attraverso un livello di coscienza piuttosto che un altro rimanendo intrappolati in questa falsa consapevolezza autocreata mentre sono fuori dal corpo fisico. Quindi in realtà tutta questa magia nera che viene usata a livello collettivo crea tantissimi danni e distrugge le stesse persone che la compiono.

Bella citazione! Per me è difficile da capire nel concreto, da una parte so che queste cose esistono, anche per esperienze personali da un altro lato mi sembrano incredibili e considerare le cose in questo modo rende tutto molto complicato, non vedi più niente come prima. Sono stata dalla mattina fino alle 23 a leggere info su info su questi argomenti..

Boh la mia testa è molto confusa. Comunque, volevo farti delle domande Netruvian, la prima è: Manlio Capaldi, oggi mio collega al liceo artistico, subentra al mana- ger Veronico. Siamo in sedici band: Tra gli ospiti i Noia, vincitori della prima edizione, e i turbolenti Exploited. Arriva- ti in finalissima, ci tocca aprire la serata proprio con gli Exploited. Big John, obelix punkoide pozionato di vodka e altro, è collassato sulla branda in camerino. Wattie esagita la cresta e parlotta con Pie- rangelo e Max dei Last Call. Loro, i punk nostrani, stasera non suo- nano, eliminati da una giuria orientata alle pose della new wave emergente.

Tocca a noi quindi salire per la finalissima sul palco. Fa caldo, molto caldo. Ma sappiamo il fatto nostro, e il pit bull è presto domato. Poi, complici gli Exploited, il palco sarà di- strutto. La nostra performance, come testimoniano i giornali del tempo, stordisce. Erano convenuti a Bolo- gna molti punk e skinhead per questa sua unica data italiana.

Nutrita la presenza dei Centocelle City Rockers. Basano le elucubrazioni sui rit- mi scomposti dei due percussionisti. Ricordano a volte i DNA, forse per il sound spoglio. Momenti bruciati si alternano ad attimi di stasi. Il festival è vinto infine da certi Litfiba, da Firen- ze, secondi i catanesi Denovo: Red Ronnie ci vuole a tutti i co- sti in un doppio album con rari inediti dei Throbbing Gristle e grup- pi italiani vicini alla band di culto: Mission is Terminated. Un titolo, una premonizione. La missione è terminata. Sulla copertina, dise- gnata da Bonvi, un Karol Wojtyla incoronato di spine sullo sfondo di una parata nazista. Non fu la nostra prova migliore.

Ulteriori progetti prevedevano la registrazione di un album e nuovi scenari, aperti alla sperimenta- zione, al teatro e alle ricerche sulla fonazione. Gli anni Ottanta stavano proprio cominciando. Davide intraprende lo studio del violoncello. Io scrivo le mie prime poesie Bari, settembre , un affollato tendone da circo alla pineta di San Francesco. La fine. Nessuna ragionevole ragione: E oggi? Oggi, non so. Ma dopo? Per me il punk era già acqua passata. Quello che mi succedeva intorno, invece, gli anni Ottanta, voglio dire, ma anche le creste, i chiodi borchiati, gli atteggiamenti parami- litari della seconda ondata, mi puzzavano tanto di uniforme Vi assistevo dai bordi, con sentimenti contra- stanti nei confronti di persone con le quali avevo condiviso momenti fondativi di quella storia.

Si improvvisa uno sgangherato corteo alcolico dalla stazione alla periferia. È il caos al quartiere industriale Stanic, contiguo al malavitosissimo San Paolo. La mattina dopo il concerto, qualcuno spara contro il centro sociale. Non è la polizia. Sono i sicari dei boss di zona, disturbati nella loro neomelodica quie- te. A Bari, spazzata la Giungla, resta il deserto. Vi rimarrà per sempre. Intorno, una brigata di reietti assortiti: Una fu- ria multiculturale. La prima occupazione, breve e simbolica, fu al dismesso gazome- tro. Allo sgombero seguirono colorite manifestazioni davanti al Pa- lazzo di Città, coi primi soundsystem e i volantinaggi tra la cittadi- nanza incuriosita da un carnevale fuori stagione.

Il nome gira per la nazio- ne. Ricordo tante fanzine attratte dal fenomeno: La Giungla reggerà sino a quella caotica mattinata degli spari malavitosi. I funzionari della polizia erano stati chiari sin dai primis- simi sopralluoghi: Ma le ragaz- ze, è meglio che le fate dormire a casa Uno sgombero sui generis, tipicamente meridionale. Seguirono precari tentativi di occupare la Ferrero o un vecchio centro di igiene mentale, in quar- tieri semiperiferici.

Ma ecco che dalle ceneri di quella tribù sorge un grido di riscossa: Il quale, dopo vari incontri, si è sbilanciato pro- mettendoci una nuova riserva di caccia dove poter organizzare con- certi e svolgere altre attività. Finivano molte cose. Il gioco di date mi riporta a dieci anni dopo. Molte cose saranno cam- biate. Per chi resta. Sono a casa, a Bari. Mi arriva una telefonata. Un amico: Si è buttato dal balcone. E questa storia che ho raccontato non avrebbe senso senza alcune persone che oggi, fisicamente, non ci sono più.

Forse le parole che ho inanellato non dicono nulla a chi quelle persone non ha conosciuto, davvero. Studi artistici e una sensibilità creativa e umana indiscutibile, è stato il trascinatore del carrozzone barese. Si è lanciato da una finestra, a trentuno anni, ma non posso non ricordarlo con un sorriso, il suo, confuso tra i brufoli e le tante risate che ci facevamo nella puzzolente stanza sua, piena di zip, materiale da disegno e dischi: Sandinista come colonna sonora. Tornato da tempo a Roma, era a Bari per le sue squattrinate vacanze. Ci se- demmo su una panchina del lungomare.

Negli ultimi anni si era appartato, dopo una crisi mistica non so quanto istrionica, patologica o profonda, che lo aveva portato, ca- pelli lunghi e tunica, a seminare sermoni biblici suburbani. Qualcosa sanguinava dentro. Non potevamo farci niente. Di lui resta un libro postumo di liriche e disegni punk pubblicato nel dalla Ila Palma di Palermo: Barricati dentro. No, niente telefono, quella volta ero al pub, di sera, quan- do la voce si sparse. Pierangelo è morto. Chi, Pierangelo Pierangelo? Sulla strada, sbalzato e travolto dal suo furgone di lavoro, fuori controllo.

Pierangelo, mio coetaneo, era stato il volto umano e popolare, semplice e diretto della storia che ho raccontato. Sin dagli inizi. Coi suoi sgangherati Undernoise, nel We have got no choice! Con- servava in un cartone, ma soprattutto in lui, le memorie dettagliate della storia che ho raccontato. Anche da questo punto di vista è stata una grande perdita. A lui devo parte dei miei ricordi. Merita un cic- chetto di Jack, qui, Pierangelo. Ma ora basta, la faccenda prende una piega lagrimosa. Eppoi ci sa- rebbero altri nomi, purtroppo, da riesumare: Per noi che siamo qui. La missione continua. Mi piace chiudere questa mia memoria con la trascrizione integrale di quella chiacchierata.

Autunno Don Letts è una leggenda vivente. Serata punk, ma i dischi punk erano ancora pochi e cortissimi e allora via con tonnellate di reggae e massicce dosi di dub. Quando John Lydon abbando- na i Sex Pistols e va a sbollire rabbia e incomprensioni in Giamaica, inviato dal patron della Virgin, il miliardario eccentrico Richard Branson, per scritturare gli artisti del reggae, sceglierà proprio Don Letts come accompagnatore. Lo abbiamo raggiunto nella sua casa di Notting Hill. È qualcosa che, se ti sforzi di spiegarla, non capirai mai.

È quando la senti, è quando la vedi, che la riconosci. È qualcosa che esiste- va già prima della musica. Marcel Duchamp è punk rock. I surreali- sti, i film di Buñuel, il comico Lenny Bruce sono punk rock! La gen- te deve capire che non si tratta solo di musica. Con questo non vo- glio sminuire il , anzi: Quale altro anno segneresti in rosso nella tua memoria? Lo sviluppo sociale dei neri tra i bianchi in Inghilterra avveniva in modo diverso che in America.

Quando è avvenuto il tuo incontro con il reggae? Nella mia cultura la musica è parte della vita di tutti per tutta la vita, non è cosa da ragazzini soltanto. Eh, a saperlo! Girando Punk: Attitude hai riascoltato, hai rivisto vecchie facce. Chi ti ha colpito di più? Tutti quanti mi hanno toccato, perché sebbene oggi siano quaran- tenni o cinquantenni, sono radicali quanto lo erano da giovani. Mol- ta gioventù oggi è davvero conservatrice. I ragazzi crescono con Mtv, questo è il problema, non hanno mai preso in mano un libro e non apprendono da nessuna delle tante controculture che sono esistite prima degli anni Ottanta.

Hai lavorato nelle boutique punk, agli inizi: Vestiti e stili musicali per molta gente sono la via principale per ten- tare di trovare una qualche identità. Ma se sei brillante, sono solo gradini per diventare una persona completa. Stepping stones. Non puoi restare intrappolato nei costumi o nella musica catalogata: Molti invece sono rimasti incollati a spille da balia, chitarre sparate, moicani. Ma gente come i Pistols, i Clash, le Slits, già alle origini, non si è fatta intrappolare. Ha sempre guardato avanti. Chi vale, lo fa ancora oggi.

Un processo in movimento: La stessa cosa afferma Simon Reynolds nel suo libro sul postpunk, ana- lizzando le evoluzioni creative della nuova onda. E in molti casi sei molto più efficace. John sistematicamente offendeva i curiosi, i fan noiosi che ogni giorno erano fuori. Tutti noi lo facevamo. Era molto divertente: Chi era su, chi era giù, chi era Una situazione davvero surreale, comica, a modo suo. Non lo capisco proprio. Non capisco questi kids che guardano in- dietro.

È qualcosa che ha soltanto a che fare col vendere più prodot- ti. È una presa in giro. Mentre abbiamo disperatamente bisogno di andare avanti, di trovare il punk di oggi. Trovare il punk oggi? Non sto parlando solo di band. Non occorre mettere su una band: Parli di autenticità: Non sempre. O non per tutti. Pensa ai muri di chitarre dei Sex Pistols o a Sandinista. Il problema non è se lo studio sia meglio del li- ve, o viceversa.

È meglio essere tutte e due le cose. Un sacco di ragazzi bianchi, inglesi o americani, parlano il linguaggio giamaicano. Insomma, la musica ci riporta ancora alle radici comuni? La tradizione di gente bianca che ha appreso dalla musica nera per trovare nuove energie non è cosa nuova. Ma il reggae stesso è musica mutante, non credi? Il reggae derivava dalle radici musicali folk africane.

Ma allo stesso tempo usava musica indigena e le influenze che provenivano dalle radio che programmavano musica pop da Miami o altrove, Chuck Berry o Fats Domino o più tardi il soul. Per finire, a cosa stai lavorando? Sto finendo un film su Sun Ra: Sun Ra è davvero punk rock! Tanti artisti diversi sono stati influenzati da Sun Ra. Poi ho in progetto un film sui primi Jam.

Ai nostri tempi disprezzavamo quella roba da fot- tuti mods Ed erano solo dei ragazzini! Lui e la sua amica Rosso Veleno erano gli unici a indossare i pazzeschi vestiti del negozio londinese Seditionaries e a quei tempi sembravano proprio degli alieni. Eravamo fan di Lou Reed Finché non co- nobbi il punk inglese, soprattutto i Pistols. Il nostro primo gruppo punk, i Jumpers. Dicevano che il punk era fascista, perché aveva il giubbotto di pelle e i capelli corti. Ma in verità, secondo me, capivano e percepi- vano benissimo cosa stava succedendo, sentivano anche loro che i tempi cambiavano veloci e che con i loro slogan, invecchiati precoce- mente, non sarebbero andati molto lontano.

Li avevamo superati in freschezza e genuinità. Il punk per quelli del Mls era una minaccia. Per cui è stato un periodo durissimo. Noi Jumpers avremmo dovuto suonare dopo. Noi barricati dentro alla palestra. Le Clito suonavano. La bellissima cantante aveva un tou- pet enorme con delle illuminazioni di natale che si accendevano e si spegnevano. La cosa aveva aizzato molto quelli del Mls che, quando avevamo cominciato a suonare noi, si erano messi a tirarci di tutto. Una cosa buffa. Cosa mi ha lasciato il punk? Cosa vuoi che mi abbia lasciato? Ai tempi sembrava impossibile che anche a Milano fosse sorto un luogo simile a quelli di Berlino.

Il Vidicon fu un luogo importantissimo per tutta la nostra esperienza. Alzheimer permettendo. Il Vidicon era il capannone di una ex fabbrica di prodotti per neonati, la Mel- lin. Quel capannone era vuoto, dentro nessuno ci faceva niente. Una volta ritor- nati a Milano avevamo subito adocchiato uno dei capannoni dietro la casa occupata di via Correggio.

Alla fine eravamo sopravvissuti in quattro o cinque: Dentro organizzavamo serate a tema sulle avanguardie artistiche, mo- stre concettuali, feste, le prime installazioni video e anche qualche con- certo. Marco, Cristina e gli altri si erano avvicinati a noi scambiandoci per punk perché ci vestivamo di nero: Avevo venticinque anni, ero un po- stesistenzialista e sono stato preso per un punk. Avevamo raccattato due sedie dei coniugi Eames e una chaise-longue di Le Corbusier Nonostante pro- venga da una famiglia sottoproletaria — ho vissuto tra Quarto Oggiaro, Gratosoglio e Rozzano — sono sempre stato considerato uno stronzo fiketto. Non so per quale motivo, forse per il mio physique du rôle Al- lora prendevo le botte a Gratosoglio dai tamarri perché ero fiketto, poi abbiamo occupato il Vidicon e i punk mi davano del fiketto.

Philopat Per forza! Organizzavate cose indecenti, tipo il concerto dei Righeira! Forse avremmo dovuto mandarli via? Mi ha fatto piacere quando ho letto Costretti a Sanguinare, sco- prire che Marco si fosse ricordato del Vidicon e di quella famosa fra- se del filosofo Deleuze che gli riportai una volta: Allora Deleuze non lo conosceva nessuno Marco non lo capiva e aveva bollato come fiketto anche lui.

Beh, una bella soddisfazione personale Solitamente traccia un percorso storico e carico di emotività, discorsi ad ampio raggio in cui è costantemente presente la musica. Anche se i Reynolds si allearono con molte delle principali linee di sangue sataniche, tra cui i Rothschild, i DuPonts, i Rockefeller, i Graces e i Grays, sono particolarmente legate alle famiglie Duke e Cullman. Inoltre, le mie ricerche dimostrano che i Reynolds controllati dagli Illuminati hanno interagito con tutte le altre principali linee di sangue sataniche. Una delle prime schiave Monarch degli illuminati, nella zona di Portland, che volle liberarsi dal condizionamento fu Mary D.

Voleva trovare un trattamento per la sua condizione, purtroppo da quel momento non se ne sà più nulla. Alcuni della famiglia Reynolds scrissero testi occulti. Non so come tutte le persone citate in questa sezione siano correlate, ma alcune se non tutte potrebbero avere legami alla linea di sangue santanica dei Reynold. Uno dei più importanti leader dei cristiani ecumenici fu Frank E. Reynolds un ministro battista americano. Frank E. Molti dei Reynolds furono di religione episcopale. Ricordatevi che la Chiesa Episcopale è gestita da massoni ed è completamente coinvolta nei rituali occulti. Denise AR.

Prima di entrare nel nocciolo della questione facciamo una rapida panoramica sugli interessi finanziari dei Reynolds. Gran parte del denaro della famiglia venne ben nascosto dietro a dei fondi, a delle holding, ecc. I satanisti della famiglia Reynolds vennero coinvolti nel traffico di droga ad alto livello. Gli interessi finanziari dei Reynolds sembrano essere più forti al sud oltre ad avere una forte rappresentanza in Virginia e in North Carolina. Alcuni anni fa i capi delle tre famiglie erano i seguenti: Angier Biddle Duke, Richard S. Reynolds Jr. Erano tutti membri della Società Pilgrim. Richard S. Le tre grandi case automobilistiche americane acquistavano tutte dalla Robertshaw Controls Company, tuttavia visto che le 3 case automobilistiche sono in mano agli Illuminati, non temono questo monopolio.

La famiglia Reynolds controlla diverse aziende di alluminio che costituiscono gran parte di quelle controllate dagli illuminati. Ci sono poi anche altre famiglie che hanno le mani in pasta su queste industrie. La famiglia Reynolds controlla la RJ. Reynolds Tobacco Co. Ma non lasciatevi ingannare, la famiglia Reynolds ha ancora potere e diversi interessi finanziari nella società. Prima che i comunisti presero il potere in Cina, le famiglie illuminate inglesi nascosero i loro commerci di oppio dietro la copertura della British American Tobacco Co.

In realtà, il commercio di oppio della Cina Rossa era controllato da un altro uomo degli Illuminati, Il presidente Li Xiannian. La RJ. Reynolds era una patner della British American Tobacco Co. Ho motivo di sospettare che la famiglia coinvolta nel traffico di cocaina. Anche gli Onassis si nascosero dietro le importazioni di tabacco per i loro commerci di droga. I Cuilmans sono noti per la loro Miller Brewing Company.

Anche la fortuna dei Culiman deriva originariamente da una società di tabacco. In seguito si fuse e comprarono 88 imprese produttrici di tabacco, la capitalizzazione della società era di milioni dollari prima al La Corte Suprema fece sciogliere la American Tobacco Company dal momento che aveva creato un monopolio illegale. Tuttavia, i Dukes riordinarono le cose e continuarono con il loro progetto. I Dukes si sposarono con i Biddies che lavorarono con i Rothschild.

I Dukes si imparentarono anche con i Drexels, che a loro volta erano imparentati con gli Harriman e i Goulds. Nicholas Biddle era un fiduciario di William Astor uno dei capifamiglia degli Illuminati. Alcuni dei Biddies erano pure imparentati con gli Astor! Sulla vetta della piramide il mondo…. Non è interessante notare che i miei scritti portino alla luce i fatti proprio delle famiglie dei Morgan, dei Vanderbilt, dei Goulds, dei Drexels, dei Phippses, dei Dukes, dei Bakers, dei Duponts come membri degli Illuminati? Molte delle organizzazioni degli Illuminati hanno avuto membri della famiglia Reynolds al loro interno. Alcuni esempi:. Reynolds, Jr.

Harman Gansvort Reynolds, Marshall S. Alex Reynolds, J. Reynolds Hyatt, T. John Charles Reynolds. I Dukes e i Reynolds utilizzarono fondazioni esentasse come mezzo per nascondere le proprie ricchezze, pur mantenendo il loro potere finanziario. Altre famiglie degli Illuminati hanno utilizzato il sistema delle fondazioni per rimanere potenti ed evitare di pagare le tasse. La stampa controllata le dipinge come enti caritatevoli, quando la maggior parte delle borse di studio che mettono a disposizione tornano a vantaggio delle sole elite.

Alcune di queste fondazioni sono la Z. Tutte queste fondazioni lavorano per gli Illuminati. Anche la Donald W. La Kate B. Reynolds Health Care Trust fornisce un altro esempio di collegamento tra le famiglie Duke e i Reynolds. John A. McMahon, un graduato alla Duke University, fu presidente del consiglio di amministrazione della Duke University e dal membro del consiglio consultivo del B. Kate Reynolds Health Care Trust. Edwin C. Whitehead, presidente della Technicon Corp.

Whitehead è un amministratore sia della Duke University che della Rockefeller University. Fu anche responsabile di diverse organizzazioni che promuovevano il Nwo come ad esempio, delle Nazioni Unite. Non voglio prendere più tempo e spazio con le fondazioni. Mi auguro che il lettore riesca ad immaginarsi cosa possono fare queste società per gli illuminati. Vediamo le agenzie di governo, in particolare quelle di cui gli Illuminati vorrebbero assicurarsi il controllo che vengono sostenute finanziariamente. Possiedo i dati del e i profitti sono saliti fino a milioni dollari. Non so quali siano le cifre attuali. Il presidente della R. Dal al , Stokes fu direttore della William e Kate B.

Sticht è un membro del Rockefeller University Council e pure del consiglio dei visitatori della Duke University. Leighton Hammond Coleman, che appartiene alla famiglia illuminata dei Coleman, è direttore emerito presso le RJ. Più vicino. Perché cosa vuol dire guardare? Il mio lavoro? Fate un passo indietro e realizzare questo: Diamo uno sguardo ai temi di Now You See me. In un primo momento, vediamo i quattro maghi fare i loro spettacoli separatamente. Stanno tutti cercando di guadagnarsi da vivere facendo i loro trucchi di magia.

I quattro maghi vengono scelti perché eccellono nel loro particolare campo di magia e, soprattutto, perché, a volte sembrano utilizzare della reale magia occulta. Da sinistra a destra: Prefigura il suo imminente sacrificio rituale. Tutto su di loro si riferisce alla società segreta che li controlla. Il teatro in cui si esibiscono è un gigantesco occhio.

In ogni caso in questa scena vediamo una strana decorazione con la scritta Eye. Quando il gruppo completa il suo più spettacolare trucco di magia, un occhio gigante compare su un tabellone pubblicitario a Times Square. Come vediamo spesso su questo sito, questo simbolo è in uso estensivamente nei mass media. Mentre il film va avanti, scopriamo alcune informazioni sulla The Eye e sulla sua storia.

Lo hanno studiato. Nulla è stato lasciato al caso. Il significato di certi simboli è molto più profondo e archetipico di certe favole. Grazie mille di aver pubblicato questo post! Conoscendo Lady Gaga ero sicura che il suo video avesse dei significati nascosti, solamente che io non li riesco ad intrepare tutti. Concordo appieno con la conclusione. Sono felice di scoprire che almeno qualcuno si salva, che rimangono ancora delle persone in grado di pensare con il proprio cervello. Se vuoi altri chiarimenti sul tipo di influenza esercitata dagli Illuminati tramite i Media leggi gli altri articoli presenti su questo sito o su molti altri simili….

La canzone è effetivamente molto simile e alcuni parlano di plagio. Nessuno sui vari blog che ho visto sembra essersi accorto di questa cosa. Voi che ne pensate? Ciao Neo, più volte sono capitato sul tuo Blog e devo cominciare questo mio commento dicendoti che hai fatto veramente un bel lavoro, sia dal punto di vista grafico che, soprattutto, dal punto di vista dei contenuti. Dopo questa introduzione, passiamo al commento in sè. Io ho identificato altri livelli di comprensione della canzone:.

I Livello Canzone Orecchiabile, ritmo a metà tra il metal ed il discotecaro. Un bel mix musicale. Video Pop come molti altri. Nel video Lady Gaga non fa altro che una bella sfilata di moda senza grandi contenuti. III Livello La canzone lascia perplessi: Il video lascia, a sua volta, perplessi: Non è stata lei ad annunciare che nel video avrebbe rivestito quel ruolo? Beh, non sembra che Lady Gaga abbia fatto delle grandi ricerche prima di scrivere questo video. Che in questo album abbia scelto un filo conduttore molto sottile? Beh, ecco come mai tutto sembrava parte di un progetto più grande di una singola canzone. Ma cosa significano queste connessioni? Dove ci vuole portare con questi simboli e con queste metafore?

Salve, vorrei permettermi di dire una cosa. Nella parte finale del video, quando Lady G. Bianco, come mai il bianco? Non sarà che alla fine del video vogliano simboleggiare la morte della purezza? Perchè il bianco simboleggia la purezza. Solo marketing? Davvero una cantante di talento come la Aguilera ma se ne potrebbero citare decine! Voglio dire: Sono essi stessi vittime del condizionamento mentale?

Qual è il fine? Semplice ostentazione di potere da parte degli Illuminati o marketing? Ma i messaggi che alludono al Monarch, in che modo possono condizionare il pubblico? Personalmente non credo che guardare ripetutamente Xtina o chi per lei che si copre un occhio, piuttosto che indossare un abito che assomiglia alla testa del diavolo, possa influenzare qualcuno? Davvero siamo sotto il loro controllo? Faccio ancora fatica a crederci. Ogni artista che comincia ad acquisire celebrità viene convertito alla dottrina degll illuminati, attraverso condizionamento mk ultra.

Fama e celebrità in cambio del controllo totale. Genitori colleghi e amici noteranno un cambiamento ma che attribuiranno al nuovo status acquisito. I soldi faranno il resto! Hai reagito e se sei arrivata fino a qui per una risposta sei ben più che sveglia! Ci stà benissimo il cercare di identificare il gioco fatto dalle elite, ma cerchiamo di mantenere un briciolo di razionalità. Equilibrio neovitruvian, equilibrio.

Se è come dici tu io almeno lo dico…. E sai perchè ti dico questo? Facile, come fanno da sempre. Facile, complottismo. Mossa azzardata, no?

Best Italian and American images | Cooking recipes, Chef recipes, Dinner recipes

Copertina e progetto grafico: Antonio Boni Contatti: Agenzia X, via Pietro Custodi Altro casino per entrare gratis ma di certo i soldi per pagare non li avevamo e infine e marchingegni elettronici, come la nuova drum-machine Ro- land Bene, Arthur Rimbaud, Carlo Michelstaedter, Gustav Mahler, Francis Bacon. Forse ho capito come mai Lady Gaga ha fatto quel gran casino tra le varie .. x esempio politici negli USA ricorrano ad uno stregone voodoo in. High resolution official theatrical movie poster (of for Miss Peregrine's Home for Peculiar Children Image dimensions: x Directed by Tim Burton. Starring. a loro parere è spettacolare, come costruire un casinò all'interno della .. x monica: personalmente ti consiglio di lasciar perdere tutte queste. historia de la filosofía de bachillerat equipo de funzionamento-slot.jaewoncho.com historia de la filosofía de bachillerat equipo de funzionamento-slot.jaewoncho.com historia de la filosofía de. in traveler's cheques che dimostrano la sua capacità di mantenersi per X giorni il “casino” universale allo scopo del mantenimento del predominio mondiale .. della crisi finanziaria giapponese innescata dai “ratings” di Moody's dai quali .. se pur con i dovuti onori, i vari Kant e Popper non fossero visti come le ultime . "These Balsamic Glazed Meatloaf Meatball Poppers surely fit the bill! .. Clams Casino recipe: Try this Clams Casino recipe, or contribute your own. .. Bocconcini di pollo al limone buoni, mettere metà limone in porzione x 2 Tartiflette if you make it with reblochon or funzionamento-slot.jaewoncho.com and onions and bacon instead of ham.

Toplists